E’ nata Radio Olivelli
6 Gennaio 2015
Progetto MIT – scienze in lingua (A.S. 2014 – 2015)
7 Gennaio 2015

Radio Olivelli (A.S. 2014 – 2015)

E’ nata Radio Olivelli, la prima radio scolastica di Pavia! Il progetto, avviato all’inizio dell’anno scolastico, è stato presentato all’Open Day del 22 novembre.

Riportiamo qui l’articolo che la Provincia Pavese ha dedicato a questa esperienza.

 

dal sito http://laprovinciapavese.gelocal.it/pavia/cronaca/2015/01/06/news/radio-olivelli-i-ragazzi-mettono-le-cuffie-1.10620378?ref=search

L’INIZIATIVA

Radio Olivelli: i ragazzi mettono le cuffie

PAVIA. E’ nata Radio Olivelli web. L’idea è partita casualmente dopo una decina di lezioni in lingua inglese con una giornalista giorgiana. Prima di Natale la prima uscita di prova in cui i ragazzi…

PAVIA. E’ nata Radio Olivelli web. L’idea è partita casualmente dopo una decina di lezioni in lingua inglese con una giornalista giorgiana. Prima di Natale la prima uscita di prova in cui i ragazzi hanno intervistato il provveditore Tiziano Secchi. «Volevamo capire se anche dal punto di vista tecnico avevamo le competenze per farcela – spiega il preside Fabrizio Gasperoni – e adesso dopo Natale abbiamo deciso di partire calendarizzando alcuni interventi». Per ora è stato pensato uno spazio interviste e uno dedicato a commenti e riflessioni. Sono coinvolti una decina di ragazzi di terza, quarta e quinta. Il liceo scinetifico paritario Olivelli ha circa una ottantina di iscritti. «I due obiettivi che pensavamo di raggiungere sono far diventare la radio un punto di riferimento e di incontro dei giovani con gli adulti e poi vorremmo che i ragazzi comprensano la necessità di dividersi i ruoli e capiscano che attraversarso l’organizzazione si raggiungono risultati di un certo rilievo», dice Gasperoni. Verrà stabilito un giorno fisso in cui vedersi, pianificare le tematiche e organizzarsi. «Sono coinvolti anche alcuni insegnanti e abbiamo un gruppo di ragazzi entusiasti. Ci sarà il tecnico, chi cercherà le notizie e chi farà le interviste. Alcune esperienze simili in gruppo sono già state fatte con una mostra a fine dicembre che abbinava colori, sensazioni e testi scolastici».

6 gennaio 2015